Tutto sull’estate in Umbria

L’estate è alle porte e l’Umbria si sta preparando al meglio per inaugurare la nuova stagione turistica con un ventaglio di proposte davvero speciali. L’emozione dei grandi festival, le rievocazioni storiche e le esperienze di una spiritualità diffusa. Ritmi lenti e rilassati, tipici delle città e dei borghi umbri, incastonati tra colline e campagne rigogliose in un crescendo di emozioni in ogni località a cominciare da dove i “brand” più noti sono capaci di intrattenere: il Festival dei Due Mondi, a Spoleto, dal 29 giugno al 15 luglio, Umbria Jazz, a Perugia, dal 13 al 22 luglio, il Festival delle Nazioni, a Città di Castello, dal 25 agosto al 7 settembre e il Trasimeno Music Festival, a Magione, dal 29 giugno al 5 luglio, attento alla musica classica. Per quanto riguarda le tradizioni, la Giostra della Quintana di Foligno è una rievocazione storica che risalente al 1600 in cui il momento clou è la gara tra i 10 rioni per contendersi il palio del 16 giugno. Sulla stessa linea anche il Mercato delle Gaite. L’intero borgo si immerge nel medioevo e gli antichi mestieri rivovono tra lo stupore dei visitatori. L’appuntamento è dal 14 al 24 giugno ma il 9 giugno, in Piazza Filippo Silvestri, è incantevole prendere parte al Banchetto Medievale, una cena sotto le stelle circondati dalle chiese romaniche e gotiche del paese. Dall’8 al 10 giugno anche il capoluogo viaggia indietro nel tempo con “Perugia 1416 dal Medioevo al Rinascimento”. Mostre mercato e degli antichi mestieri, artisti di strada, sbandieratori, musica e corteo storico sono gli ingredienti della tre giorni che vede sfidarsi i cinque Rioni di Perugia nel tiro del giavellotto, nella mossa alla torre, nel corteo storico e nella corsa del drappo per aggiudicarsi il palio. Spazio poi al cinema internazionale con la ventesima edizione di Umbria Film Festival, a Montone, dal 4 all’ 8 luglio e spazio anche all’arte con la mostra “Capolavori del Trecento. Il cantiere di Giotto, Spoleto e l’Appennino”, ideata e curata da Vittoria Garibaldi e Alessandro Delpriori. 70 opere, tra straordinari fondi oro e sculture di primo Trecento, provenienti da prestigiose raccolte nazionali e internazionali in quattro sedi espositive: a Trevi la Raccolta d’Arte di San Francesco, a Spoleto il Museo Diocesano – Basilica di Sant’Eufemia e il Museo Nazionale del Ducato, a Montefalco il Complesso Museale di San Francesco. Dal 24 giugno al 4 novembre.

 

Articoli Correlati