Onorato Armatori guarda al futuro del mare

Flotta di 63 navi, 4.000 dipendenti, 6,2 milioni di passeggeri, 25 porti collegati, 33.000 viaggi effettuati nell’ultimo anno e 7,8 milioni di metri lineari imbarcati. Questi sono i numeri di Onorato Armatori, grande gruppo di cabotaggio operante nel Mediterraneo. E che vanta una lunga storia, essendo nato nel 1880 con due navi a vela per il trasporto tra la Sardegna e Napoli. Poi con la guida di cinque generazioni di armatori, è oggi uno dei principali operatori di trasporto passeggeri e merci al mondo. Che ha appena concluso un’innovativa operazione di rifinanziamento da 560 milioni di euro, completamente ideata dal gruppo con l’assistenza delle principali banche d’affari. La struttura dell’operazione è tra le più innovative mai realizzate da una realtà italiana, alla luce della contestuale emissione inaugurale di un prestito obbligazionario ed erogazione di un finanziamento in pool bancario. Onorato Armatori oggi detiene quindi il 100% di Moby, e quindi di Toremar, e il 100% di Tirrenia: queste sono le tre compagnie di traghetti che generano la parte più importante del business del gruppo (continua su Trend 3/2016…).

Articoli Correlati