La Spagna va in tour per l’Italia

È partita ieri da Roma la prima tappa del roadshow degli Enti del Turismo della Spagna in Italia, che in quattro giorni che farà tappa anche a Firenze, Verona e Torino. L’obiettivo principale del roadshow è quello di presentare l’offerta turistica spagnola e, in particolare, delle proposte adatte al profilo del turista cosmopolita, target principale di riferimento per il turismo spagnolo. Questo target racchiude in sé un tipo di turista attento alle proprie scelte di viaggio, molto interessato alla cultura, all’offerta enogastronomica e con un potere d’acquisto superiore alla media. Inoltre è una tipologia di turista più consapevole e rispettoso all’ambiente, e anche molto curioso di vivere nuove esperienze immergendosi nella cultura locale. Questo tipo di atteggiamento è molto in linea con alcuni dei principi del turismo sostenibile e di qualità che la Spagna vuole promuovere. Nella capitale l’evento si è svolto il 9 aprile all’Hotel Bernini Bristol, a Firenze il 10 all’Hotel Villa Medici, a Verona l’11 al Palazzo Verità Poeta e a Torino il 12 aprile all’Hotel Golden Palace. Il roadshow presenta al mercato italiano l’offerta turistica spagnola, con tante destinazioni, incoming specializzati, catene e strutture alberghiere e vettori aerei. Le destinazioni presenti saranno le regioni di Andalusia, Aragona, Asturie, Isole Baleari, Cantabria, Castiglia Leon, Catalogna, Galizia, Navarra, La Rioja, e Paesi Baschi; le provincie di Alicante, Cadice, Malaga e Siviglia; le città di Bilbao, Benidorm, Madrid, Santiago di Compostela, Siviglia, Valencia e Saragozza; e le isole di Formentera, Gran Canaria, Lanzarote e Tenerife. Al roadshow Spagna partecipano anche Air Europa, Blu Air, Volotea e Vueling. Secondo gli ultimi dati pubblicati dall’Instituto Nacional de Estadística de España (INE) un totale di 4.223.895 turisti dall’Italia ha visitato la Spagna, con un incremento del 6,41% rispetto al 2016. È stato registrato anche un aumento della spesa (+ 6,89%) e dei pernottamenti (+ 2,8%). La Catalogna continua ad essere la principale regione di destinazione, con una quota di mercato del 28%, ma con un calo dello -0,16% rispetto al 2016, mentre il resto delle principali regioni autonome di destinazione per i turisti italiani registrano forti aumenti, in particolare Madrid (+ 18%), le isole Canarie (+ 12%) e Valencia (11%).

Articoli Correlati