Airberlin parla italiano

«Siamo impegnati in un continuo miglioramento del network di voli in partenza dall’Italia, per offrire ai nostri ospiti, durante tutto l’anno, un piano di volo ancora più efficiente e coerente con le loro esigenze. I viaggiatori in partenza dall’Italia apprezzeranno particolarmente i nuovi collegamenti verso la Grecia operati via Vienna, introdotti proprio quest’estate. Quest’anno, inoltre, abbiamo concluso il riequipaggiamento dell’intera Business Class con sedili FullFlat, e , grazie all’attuazione di significative misure volte ad incrementare l’eco-efficienza dei voli, abbiamo ridotto ulteriormente il consumo di carburante medio della flotta». È una Susanna Sciacovelli, l’area manager di Airberlin per l’Europa meridionale, in ottima forma e sorridente a raccontarci i grandi progressi che il secondo maggiore vettore tedesco ha compiuto e sta compiendo per continuare il suo processo di crescita sul mercato italiano. Anche perché, quello tricolore, per la compagnia aerea continua a essere un target particolarmente strategico: nell’estate 2014 riuscirà a operare infatti fino a 246 voli alla settimana in partenza da 12 aeroporti italiani verso destinazioni in Germania, Austria e Svizzera. «Abbiamo un ottimo rapporto col trade – spiega ancora la manager – ma anche un positivo gradimento da parte dei viaggiatori: quelli in partenza da Roma e Milano ad esempio fanno costantemente crescere la richiesta di posti verso New York e Mosca, rotte che sono sia business che leisure. Anche per questo ci teniamo a ribadire con forza a tutto il mercato italiano che noi non siamo una compagnia charter e neppure una low cost, ma siamo un full service carrier con una flotta moderna (con età media di 5 anni, ndr) e una politica fortemente votata all’aumento del comfort di bordo. Tanto è vero cha abbiamo anche una nuova Economy class con sistema di intrattenimento personalizzato e più spazio tra le poltrone». Non per nulla per il 2013 Airberlin si è confermata settima compagnia in Europa con 31,5 milioni di passeggeri trasportati. A partire poi dal prossimo piano voli invernale, chi viaggia da Milano usufruirà complessivamente, grazie a cinque ulteriori frequenze, di 16 voli per Vienna. E sempre da Milano Malpensa partirà l’unico volo diretto per Berlino Tegel. Come da tradizione, infine Airberlin continuerà a offrire numerosi collegamenti da Roma e Milano verso i due hub di Berlino e Düsseldorf e verso Vienna, da dove partono voli in coincidenza verso l’Europa e il resto del mondo. «Tutti in Italia – conclude Sciacovelli – mi chiedo infine di Etihad Airways e Alitalia: quello che posso dire è che noi abbiamo una collaborazione eccellente e solida con Etihad e che l’accordo con Alitalia non interferirà sui nostri solidi rapporti».

Articoli Correlati