Un Marocco diverso, tra natura e arte

Un viaggio lungo e intenso nelle tradizioni di un Paese unico e antico. È quello che abbiamo avuto la fortuna di fare grazie al tour operator Ed è Subito Viaggi e al suo tour originale “Olio d’Argan, Elisir del Marocco” che per otto giorni ci ha portato a visitare in profondità la cultura di questo Paese mediterraneo e africano, “così lontano e così vicino” all’Italia. Si tratta di un tour davvero perfetto da proporre a quei turisti che hanno sete di scoperta e allo stesso tempo non vogliono sottovalutare i tesori nascosti di un Paese magico come il Marocco, spesso sottovalutato dal viaggiatore medio perché forse solo poco conosciuto. E tra questi tesori c’è sicuramente il ben noto, soprattutto alle signore, olio di Argan. Unguento estratto dai semi della Argania Spinosa, pianta caratteristica della zona sud del Marocco, è particolarmente apprezzato per le sue proprietà nutritive, cosmetiche e medicamentose. La storia della sua produzione è altrettanto interessante: i frutti da cui l’olio proviene infatti un tempo provenivano dalla cosiddetta “foresta di Argan”, che fino a diversi secoli fa copriva vaste superfici dell’Africa settentrionale, ma che oggi si estende solamente per 800.000 ettari proprio nel sud del Marocco, in particolare nella pianura del Souss, compresa tra le città di Essaouira e Agadir. E proprio per arrivare scoprire la raccolta “all’antica” dei semi e la produzione artigianale dell’olio siamo partiti per un ampio itinerario nel Paese più occidentale del Maghreb, durante il quale non sono mancate le sorprese anche legate all’arte, alla storia, al benessere e alla natura incontaminata. Arrivati allora a Marrakech, città che è il fulcro dell’itinerario, ci siamo innanzitutto mossi in direzione del pittoresco monte Tizi n’Tichka sulle pendici del quale si scoprono antichi villaggi berberi arrocati. Altra tappa storicamente interessante è stata la successiva, quella che ci ha portato alla cittadina di Ait Benhaddou e alla sua Casbah. Fondata intorno al 1600 come città fortificata lungo la la rotta carovaniera tra il deserto del Sahara e Marrakech, è abbarbicata sul fianco di una stretta collina lungo il fiume Ouarzazate e offre panorami davvero splendidi…

Articoli Correlati